www.ailamhub.org

Connecting Threads: il valore dell’arte fatta a mano nell’era dei social media

Dietro ogni pubblicazione ci sono storie vere, talenti genuini e un duro lavoro che merita di essere riconosciuto e apprezzato.

Connecting Threads: il valore dell’arte fatta a mano nell’era dei social media

Dietro ogni pubblicazione ci sono storie vere, talenti genuini e un duro lavoro che merita di essere riconosciuto e apprezzato.

In un mondo in cui i social media hanno trasformato il modo di comunicare e di promuoversi, è innegabile che il mondo virtuale sia diventato l’epicentro delle attività commerciali e sociali. Dai marchi più noti alle start-up, tutti cercano il loro posto nell’universo digitale.

Se concentriamo la nostra attenzione sul settore della moda, è chiaro che sempre più imprenditori si tuffano nei social network alla ricerca di nuove opportunità.  La pandemia ha acelerado este proceso, obligando a las marcas a adaptarse rápidamente a la era digital.

Fin dall’infanzia, i social media sono stati il mio parco giochi creativo. Dai primi passi su piattaforme come Hi5, uno dei primi social network al mondo, quando avevo solo 9 anni, alla mia attuale presenza su TikTok e Instagram, dove creo contenuti per il mio marchio Daydreamer Peru.

Sono Cinthya Díaz, la mente inquieta e appassionata dietro Daydreamer Perù. Come marketer, creatrice di contenuti e imprenditrice della moda ho uno scopo: salvare e celebrare l’arte artigianale della mia terra, poiché ho visto in prima persona quanto sia sottovalutata.

Ho navigato tra le correnti digitali con curiosità e passione. E a ogni passo ho trovato un’opportunità: la possibilità di connettere la moda con l’anima, di unire la brillantezza delle tendenze con la profondità dell’arte artigianale.

La mia esperienza nei social media mi ha permesso di entrare in contatto con un pubblico giovane e desideroso di immediatezza. Tuttavia, dietro ogni capo che propongo, c’è un processo artigianale che spesso passa inosservato.

Lavoro con un team di tessitori il cui talento e dedizione sono l’essenza stessa del mio marchio. Ognuno di loro ha una storia da raccontare, un’abilità tramandata di generazione in generazione, ed è mio dovere di creatore di contenuti mostrare il valore del loro lavoro.

In un mondo in cui l’immediatezza e la superficialità regnano sui social media, mi trovo di fronte a una sfida: come trasmettere il valore dei prodotti fatti a mano in un universo digitale ossessionato dall’effimero?

Purtroppo, la società contemporanea tende a dare più valore alla velocità e alla novità che all’arte e alla tradizione. Per esperienza, so quanto possa essere difficile comunicare questo messaggio a un pubblico abituato all’istantaneità dei social media.

Tuttavia, sono convinto che lo Storytelling possa essere uno strumento potente per entrare in contatto con chi cerca qualcosa di più di una semplice tendenza passeggera.

Come possiamo quindi trasformare l’indifferenza in apprezzamento, la superficialità in profondità? La risposta, a mio avviso, sta nell’educazione e nell’empatia.

Attraverso i nostri social media, non mostriamo solo prodotti, ma anche processi. Non vendiamo solo moda, ma anche storie.

Ogni capo che lascia le nostre mani porta con sé una storia di fatica, passione e tradizione.

Dietro ogni punto c’è una tessitrice che ha dedicato ore della sua vita a perfezionare la sua arte.

È mia responsabilità di comunicatore trasmettere questo messaggio e far sì che le persone apprezzino il lavoro manuale tanto quanto le ultime tendenze.

Personalmente, mi sono ispirata a mia madre, creatrice di gioielli artigianali, il cui lavoro non è mai stato pienamente apprezzato dalla società.

La loro dedizione e il loro amore per l’arte fatta a mano mi hanno insegnato il vero valore dell’artigianato.

Oggi più che mai è fondamentale riconoscere e celebrare il lavoro di coloro che mantengono viva la tradizione dell’arte artigianale in un mondo sempre più digitalizzato.

Sebbene il mondo dei social media possa sembrare guidato dall’immediatezza e dalla superficialità, dobbiamo ricordare che dietro ogni post ci sono storie vere, talenti genuini e duro lavoro che meritano di essere riconosciuti e valorizzati.

Quindi, mentre navighiamo sulle onde digitali di domani, vi invito a unirvi a noi in questo viaggio. Perché in un mondo sempre più veloce ed effimero, c’è qualcosa di eterno e profondamente umano in ogni punto, in ogni filo, in ogni storia.

Articolo di: Cinthya Nicolle Díaz Mateo 

daydreamer.peru@gmail.com 

 

 

 

 

 

 

Torna in alto